31/01/2018

Cenni sull'allergia stagionale

L' allergia è un anomalia del sistema immunitario caratterizzata da reazioni eccessive portate da particolari anticorpi nei confronti di sostanze abitualmente innocue; nel caso delle allergie stagionali i fattori scatenanti sono i pollini. Le caratteristiche principali di una reazione allergica sono: specificità: a ciascun allergene corrisponde una specifica e ben precisa reazione allergica; velocità: la reazione allergica è per definizione immediata. Dal momento del contatto con la sostanza allergizzante al momento della manifestazione dei sintomi intercorrono da 5 a 30 minuti.

Le allergie sono caratterizzate da una risposta infiammatoria agli allergeni; locale o sistemica. I sintomi più comuni sono: naso: rigonfiamento delle mucose nasali starnuti e scolo liquido (rinite allergica). occhi: arrossamento e prurito della congiuntiva (congiuntivite allergica). Quasi costantemente è un fenomeno di accompagnamento della rinite allergica. vie aeree inferiori: irritazione, broncocostrizione, attacchi d'asma. pelle: dermatite allergica come eczemi, orticaria, neurodermite (parzialmente) e dermatite da contatto.

La risposta allergica sistemica è detta anche "anafilassi": a seconda del livello di severità, può causare reazioni cutanee, broncocostrizione, edema, ipotensione fino allo shock anafilattico con possibile insorgenza di coma, a volte letale.

Di fondamentale importanza sono la prevenzione e il trattamento in fase acuta. Oltre ai farmaci allopatici come cortisone e antistaminici, ricopre un ruolo fondamentale il trattamento omeopatico, sia in fase preventiva che in fase acuta.